Testaccio

9 Apr 2018

E stufato dai turisti ? Troverai il centro storico molto carino ma non riesci a sopportare la folla lì? Eppure con l'estate che si avvicina i turisti saranno sempre più numerosi ... Quindi ecco un altro quartiere altrettanto carino ma più distante dai principali siti turistici - e quindi dai turisti - dove si può camminare tranquillamente: è il Testaccio. Un quartiere popolare e autentico delimitato dal Tevere, di fronte al pittoresco quartiere di Trastevere.

 

 

Un po' di storia:

 

ll nome del quartiere viene dal Monte Testaccio. È una collina artificiale alta 30 metri situata nel centro del distretto. Durante l'antichità, Testaccio era un porto commerciale. Tra il cibo che veniva trasportato a Roma c'erano testacci di olio d'oliva spagnolo. Una volta recuperato l'olio, le anfore venivano buttare sull'una sorta di discarica. Con il tempo il numero di anfore era così grande da formare una collina. Oggi la vegetazione ha preso il sopravvento, rendendo queste anfore quasi invisibili a occhio nudo. Tuttavia, sono sempre lì, è per cui il sito è chiuso al pubblico e sottoposto a numerosi scavi archeologici.

 

L'attuale delimitazione del quartiere data dalla fine del XIX secolo quando Roma divenne la capitale d'Italia. Viene quindi concepito come un distretto destinato ad accogliere le fabbriche e gli operai che vi lavorano.


 

 

Da vedere / da visitare:

 

Il roseto comune:

Il roseto della città di Roma è installato sulle pendici dell'Aventino, di fronte alle rovine del Palatino, appena sopra il Circo Massimo. Sono presenti 1100 specie di rose. Il roseto può essere visitato ma è aperto al pubblico solo durante i mesi di fioritura, cioè a maggio e giugno. È inoltre possibile partecipare a visite guidate gratuite su prenotazione

Indirizzo: Via di Valle Murcia, 6

Contatto: rosetoromacapitale@comune.roma.it o +39 6/5746810

 

 

Basilica Sant'Alessio + il giardino degli aranci:

Situata vicino alla Basilica di Santa Sabina (più grande ma meno bella), la chiesa di Sant'Alessio fu dedicata prima a San Bonifacio fino al 1217. L'intero interno risale al 1750, anche se rimane alcuni elementi elementi precedenti.

Dietro la basilica, c'è un giardino chiamato "il giardino degli aranci" o "il giardino di Sant'Alessio". Questo tranquillo giardino offre un magnifico panorama sulla riva sinistra del Tevere. È anche un bel posto dove riposare all'ombra degli aranci. Spesso i musicisti fanno uso del loro talento.

Poco prima della basilica troverai anche "Il buco della serratura". Questa è una grande porta attraverso la quale, attraverso la serratura, è possibile osservare una splendida vista, un vialetto alberato che conduce alla cupola della Basilica di San Pietro. Tuttavia, per poter fare questa bella foto, sarà necessario di aspettare in fila!

Indirizzo: Piazza di Sant'Alessio

 

 

La centrale di Montemartini:

La centrale di Montemartini ospita circa 400 statue provenienti dalle collezioni del museo del Capitole in una ex centrale termoelettrica.

La centrale termoelettrica fu inaugurata nel 1912 come il primo centro pubblico di generazione elettrica della "Société Municipal Electric" (oggi ACEA), dal nome di John Montemartini, capo tecnico. Dopo mezzo secolo di attività, divenne obsoleto e interruppe la produzione nel 1963. Seguirono due decenni di declino, fino al restauro del complesso, per dedicare questo spazio ai servizi di gestione culturale. Nel 1995, durante la ristrutturazione del Palazzo dei Curatori nei Musei Capitolini, chiuso al pubblico, alcune sculture furono temporaneamente esposte nella centrale di Montemartini. Nel 2005, dopo il completamento dei lavori di ristrutturazione, restarono molte sculture nella centrale elettrica, che divenne un museo permanente.

Indirizzo Via Ostiense 106

Orari: da martedi a domenica dalle 9 alle 19.

Contatto: www.centralemontemartini.org

 

 

 

Piramide di Caio Cestio:

Fuori dalla Porta di San Paolo si trova la Piramide di Caio Cestio, un monumento funerario eretto per la sua sepoltura tra il 18 e il 12 A.C.

Alta 37 metri, in cemento rivestito con lastre di marmo, si ispira a modelli egiziani, molto di moda a Roma dopo la conquista dell'Egitto nel 30 aC. È uno dei monumenti antichi meglio conservati di Roma. Nel Medioevo, le credenze popolari videro la tomba di Remo, lo sfortunato fondatore di Roma ucciso dal fratello Romolo.

La piramide si visitata il secondo e il quarto sabato di ogni mese.

Indirizzo: Via Raffaele Persichetti 

Contatto: www.coopculture.it/heritage

 

 

 

Il cimitero non cattolico:

Il Testaccio è anche conosciuto per il suo cimitero protestante. Vicino alla Porta di San Paolo e alla Piramide di Cestio, ospita anche colonie di gatti, le tombe dei romantici inglesi: Shelley e Keats e quello di uno dei più grandi pensatori politici del XX secolo: Gramsci.

Le regole della Chiesa cattolica vietavano la sepoltura in un terreno dedicato ai non cattolici, così come per il suicidio. Quindi, questi morti furono "espulsi" dalla comunità cristiana (corrispondente alla città) oltre le sue mura. Le sepolture avvenivano di notte per evitare manifestazioni di fanatismo religioso.

Il cimitero è stato inaugurato ufficialmente sotto il pontificato di Pio VII nel 1821 per soddisfare il crescente numero di visitatori stranieri, per lo più studenti, scrittori e artisti. Era davvero l'era del romanticismo e del neoclassicismo.

Le grandi cipressi, l'erba, i fiori e la vegetazione intorno alle tombe, la piramide bianca di fronte alle mura romane e gatti crogiolarsi al sole, rendono questo piccolo cimitero posto inimitabile. 0ppure puoi anche passeggiare in un parco che domina la piramide di Caio Cestio.

Indirizzo: Via Caio Cestio, 6

 

 

Dove mangiare?

 

Mercato Testaccio :

Situé depuis 2012 dans une halle design imaginée par l'architecte Marco Rietti, vous y trouverez bien évidemment des étales de fruits et légumes mais également, des chaussures dégriffées à prix bas et de nombreux points de vente de street food (supplice, arranchini, beagle, burger...). Au coeur de la halle de nombreuses tables et chaises vous permettent de manger sur place.

Indirizzo: via Beniamino Franklin

Orari: dal lunedi a sabato dalle 7 alle 15. 

 

 

Dove bere un caffè?

 

Romeow Cat Bistrot : 

Cotta per questo caffè - ristorante - bar con gatto. Il Romeow Cat Bistrot prende il nome da uno dei suoi inquilini, il piccolo rosso : Romeo! Questo caffè - ristorante vi accoglie in un luogo molto carino con una decorazione colorata. Una parola : relax! Che sia in abbracciando uno dei 6 gatti che ci sono, colorando mandala per adulti disponibili sui tavoli o gustando deliziosi frullati e pasticcini vegani. In serata, il ristorante offre piatti molto belli, ma è necessario prenotare.

Indirizzo: Via Francesco Negri, 15

Orari: dal mercoledi a sabato dalle 11 alle 23:30. 

Contatto: www.romeowcatbistrot.com

 

 

Dove mangiare un gelato?

 

 

La Romana : qui tutto è attraente: la decorazione raffinata, il gran numero di profumi di gelati, le opzioni senza glutine e vegan ...

Indirizzo: Via Ostiense, 48

Orari: tutti i giorni dal mezzogiorno al mezzanotte. 

Contatto: www.gelateriaromana.com

 

Giolitti : è una delle migliore gelaterie della città. Due negozi sono presenti a Roma, il primo vicino alla fontana di Trevi e il secondo nella bella zona di Testaccio.

Indirizzo: Via Amerigo Vespucci, 35 

Orari: tutti i giorni dalle 7 a mezzanotte. 

Contatto: www.giolitti.it

 

Pompi : originariamente conosciuto per il suo tiramisù (indiscutibilmente il migliore della città o del paese), Pompi offre anche un ottimo gelato!

Indirizzo: Via Galvani, 89

Orari: I lunedì, martedì e giovedì dalle 07:30 alle 20, chiude alle 22 la domenica, alle 23il mercoledì, alle 1 il venerdì e alle 2 il sabato.

Contatto: http://www.barpompi.it

 

 

Dove fare la festa?

 

Da secoli, i Romani erano abituarsi a ritrovarsi attorno al Monte Testaccio. Carnevali e feste erano organizzanti e taverne e cantine erano scavato per la conservazione del vino. Ancora oggi, il Monte Testaccio è circondato da ristoranti, bar e locali notturni.

 

E per un indirizzo più preciso:

 

Planet club : il più grande club nel centro della capitale: ha 7 stanze e un ampio cortile adatto per ospitare eventi e spettacoli. La stanza principale ha un'atmosfera di musica house e le piccole stanze sono di musica techno, hip hop ... Inoltre, una delle stanze con accesso privato è utilizzata per feste studentesche o per feste Eramus.

Indirizzo: Via del commercio, 36

Orari di apertura: da mercoledì a sabato dalle 19 alle 5.

 

Come arrivare:

 

Il quartiere Testaccio si trova al sud del centro storico di Roma, dopo il quartiere disabitato delle antiche rovine tra via Marmorata, le mura aureliane e il Tevere.

 

Puoi arrivarci con:

  - Metro A e B

  - Tram 3

  - Autobus 38, 80, 336, 341, 451, 559

 

 

Galleria fotografica :

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

© 2018 Rome-Trip - by JC GRAPHIC